Questa settimana vi parlo di come fotografare con la Gopro, qualche settimana fa, invece, vi avevo parlato di come fare video di viaggio con la GoPro e soprattutto su come scegliere la giusta videocamera per le vostre esigenze. Con la GoPro si fanno ottimi video ma non solo. E’ perfetta anche in ambito fotografico, ovviamente con le dovute limitazioni. Non si tratta di una reflex od una mirrorless, ma il grandangolo permette di fare degli scatti davvero suggestivi. Con certe accortezze riuscirete anche a fare delle splendide fotografie. Vediamo come fare.

Se vi siete persi l’articolo su come usare la Gopro per i video e su quale GoPro comprare basta che andate qui: GoPro: come fare video di viaggio, le impostazioni migliori …vi ho descritto anche la strumentazione che uso io durante i miei viaggi, potrebbe esservi utile e darvi qualche spunto in più.

Foto con Gopro: come usarla al meglio

Anche in ambito fotografico la GoPro è un portento. Più che per la qualità, il suo punto di forza è il grandangolo che permette di fare delle foto panoramiche eccezionali.

Le impostazioni che potete modificare sono il tipo di scatto, i megapixel e se attivare o meno lo spot meter ed il protune. Per quanto riguarda queste ultime due impostazioni valgono i discorsi fatti per i video. Per i megapixel e la modalità bisogna approfondire.

I megapixel determinano la qualità dello scatto, maggiori sono i megapixel e più qualitativo è lo scatto. Anche il peso in kb della foto ne risente. 

La modalità, invece, può essere.

  • Single -> il classico scatto e basta
  • Continuous -> potete scattare 3 – 5 – 10 foto in un secondo. E’ utile qualora vogliate fare una sequenza di foto in cui immortalate un movimento. Restando in tema viaggi e divertimento, per esempio un tuffo in piscina o una corsa verso un determinato punto dell’immagine. La GoPro scatta per tutto il tempo che voi tenete schiacciato il pulsante di scatto, fino al raggiungimento di 30 foto, dopo di ché si stoppa e carica la sequenza sulla card. Per sequenze più lunghe di un secondo è consigliabile utilizzare la modalità Burst che vi spiego tra qualche riga.
  • Night -> E’ la modalità per fare una singola fotografia notturna. Potete anche settare lo shutter (otturatore) scegliendo per quanti secondi mantenerlo aperto. Attenzione, onde evitare il mosso, in notturna è sempre meglio usare qualche supporto che stabilizzi la GoPro.

Timelapse GoPro e viaggi: un connubio perfetto

Vanno di moda ed oggettivamente sono molto belli, con la giusta musica diventano molto scenici. Sto parlando dei timelapse.

Cos’è un timelapse e come farlo con GoPro? Beh, semplicemente una serie di fotografie che unite danno una sensazione di movimento e del passare del tempo differente da quella di un video.

In ambito viaggi, il classico timelapse è quello paesaggistico dove l’immagine è formata da una componente pressoché fissa (il territorio) ed una componente in movimento (le persone, le auto o le nuvole, a patto non ci sia coperto). Si sceglie un’inquadratura, si stabilizza in un dato punto la GoPro, o qualsiasi altro dispositivo, e la si imposta affinché faccia una foto ogni tot tempo. Il numero di foto deve essere elevato per poter apprezzare l’effetto finale, quindi anche la durata totale del timelapse sarà importante. Possono passare anche ore, dipende da quale è il vostro obbiettivo, attenzione all’aspetto “batteria e durata della carica”.

Editate e montate in maniera corretta le foto, la sensazione sarà quella di vedere un cambiamento repentino dei soggetti mobili con una quasi immobilità di quelli fissi.

Per farvi capire cosa intendo godetevi il video che vi linko. Questo è un lavoro professionale che sfrutta anche dispositivi che durante il timelapse fanno ruotare la GoPro in modo da dare un ulteriore effetto di movimento al prodotto finale.

Nel time lapse con GoPro 4 Silver potete scegliere di fare 1 foto ogni mezzo secondo o 1-2-5-10-30-60 secondi. Più le foto saranno distanziate nel tempo e più l’effetto sarà evidente. Il problema sarà legato casomai alla durata della batteria che difficilmente va oltre un ora e mezza. Col protune attivo ancora meno. Regolatevi di conseguenza, altrimenti rischierete di rovinare il time lapse sul più bello.

Esiste anche il night lapse che funziona allo stesso modo però diventa ancora più importante il giusto settaggio delle impostazioni manuali.

La modalità Video + Foto: strana ma utile

E’ una modalità della GoPro che potete scegliere nel menù video. In pratica, potete impostare la videocamera in modo tale che ogni tot secondi faccia uno scatto.

E voi direte: cosa mi serve a fare?

Ottima obiezione. Io invece la trovo comoda quando devo fare delle foto simil-selfie prendendo anche il paesaggio od essendo distante dalla GoPro. Come ben sapete si potrebbe usare il WiFi e comandarla tramite smartphone. Sistematicamente le foto appaiono come questa, con un telefono in mezzo alle scatole.

come usare gopro

Allora imposto la modalità video + foto, la faccio partire, nascondo il cellulare e resto in posa come un ebete davanti alla GoPro per qualche secondo. Direi una soluzione vincente.

La modalità Burst: l’opzione sorella dello scatto continuous

Non cambia moltissimo rispetto al continuous. Possiamo dire che permette di personalizzare ancor di più la funzione scatto della GoPro. Con il Burst si sceglie a priori quante foto la GoPro deve fare in un determinato lasso di tempo. Ad esempio:

  • 3/5 foto in 1 secondo
  • 10 foto in 1-2-3 secondi
  • 30 foto in 1-2-3 secondi

Quando uso questa modalità durante un viaggio?

E’ ottima per quando ad esempio volete fare la classica foto in sospensione o quando volete “intrappolare” un movimento.

Conclusioni

Se avete qualche domanda scrivetemela pure nei commenti e sarò ben felice di potervi dare una mano. 

Se, invece, volete qualche consiglio su che accessori comprare e siete curiosi di sapere cosa utilizzo io durante i viaggi, basta che andate a quest’articolo.

Foto con GoPro: dal timelapse alla modalità burst e continuous
5 (100%) 3 votes

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here