Merida, assieme a Campeche, gioca il ruolo di gregario nella penisola dello Yucatan in Messico e francamente non so spiegarmi il perchè. Vive “sotto l’ombra” della riviera Maya che è estremamente famosa. Tutte le strutture turistiche sono ammassate su quella striscia di costa che va da Cancun a Tulum. Quotidianamente i turisti vengono portati con gite giornaliere a vedere una parte di Yucatan. Solo chi si concede un itinerario ontheroad tramite auto o pullman riesce a spostarsi anche sulla costa ovest e può apprezzare città come Merida o Campeche.

Cosa fare e vedere a Merida in Messico

Devo essere onesto: Merida non è riuscita ad ammaliarmi, non mi ha conquistato appieno, anche se la reputo una tappa importante lungo un itinerario tra Yucatan e Chiapas. Forse è stato il primo approccio che mi ha condizionato. Sono arrivato in città nel tardo pomeriggio dopo 200 km ed una giornata passata tra il sito maya di Chichen Itza e qualche bagno nei cenotes. Insomma, ci sono arrivato particolarmente stanco e subito mi sono dovuto scontrare con quello che è uno scoglio della vita a Merida in Messico…il traffico!

Mannaggia quanto traffico che c’è! E’ stato l’unico luogo del mio itinerario messicano in cui ho fatto davvero fatica a districarmi. Tra segnaletica stradale inesistente e gente in preda al panico post lavorativo, mi sarebbe servita qualche goccia di tranquillante per restare sereno tra i mille incroci di Merida.

Dovete sapere, infatti, che le città messicane sono quasi tutte fatte ad isolati formati da quadrati. La maggioranza delle vie sono a senso unico e si incrociano con altrettante vie a senso unico. Un delirio.

strade di merida messicoQuindi il mio arrivo non è stato dei migliori, ma non è solo questo che ha modificato il mio parere su Merida.

Merida, detta “la città bianca”, è una città grande, la più grande dello Yucatan ed è considerata la capitale culturale. E’ servita da un aeroporto nel quale atterrano voli diretti dall’Italia ed è quindi molto comoda anche come base di partenza per l’esplorazione di tutta la penisola.

Sebbene sia una città decisamente estesa (il cui centro storico è secondo come dimensioni solo a quello di città del Messico) tutto ruota intorno alla sua bella piazza principale: la Plaza Grande.

plaza grande piazza merida messicoEssa ricalca il classico stile delle piazze messicane: molto curata, con una fontana centrale e tanta vegetazione. Gli abitanti di Merida la apprezzano, e si vede. E’ sempre popolata e rappresenta il fulcro della vita cittadina. Su Plaza Grande si affacciano tutti i luoghi di interesse principale della città, ovvero la Catedral di San Ildefonso, la Casa de Montejo, il Palazzo del Governo ed il Museo di arte contemporanea Fernando García Ponce-Macay.

La cattedrale riveste enorme importanza per la gente di Merida. Quando sono entrato, un ragazzo messicano si è avvicinato e con grande orgoglio mi ha raccontato che, pochi mesi prima, il papa aveva fatto visita a Merida e si era inginocchiato in un preciso punto della cattedrale. Vi lascio immaginare che fierezza mostrava.

Distante un quarto d’ora a piedi dal centro, le piccole stradine si trasformano nel grande Paseo de Montejo, un elegante viale alberato che ospita la vita commerciale della città di Merida. Sono presenti hotel, edifici storici, negozi, ristoranti… Personalmente, però, non mi ha colpito.

L’artigianato locale e la cucina Yucateca

Oltre che essere la capitale culturale è anche importante per altri due aspetti: la cucina e l’artigianato.

La cultura maya è molto forte e molti abitanti ritengono di essere ancora 100% maya. Diversi negozi disseminati per la città cercano di preservare questa identità e vendono oggetti creati dalle comunità indigene maya. I soldi dei vari acquisti contribuiscono al sostenimento e tutela di queste minoranze. Tutto molto bello, fino a quando non cammini per la città e vieni in continuazione fermato da gente che si dice essere Maya e vuole venderti il suo prodotto. Io credo che non sia da fare di tutta l’erba un fascio, i furbi ci saranno sempre e non possono minare la veridicità di un ideale come questo. Se posso permettermi voglio consigliarvi un negozio che mi è sembrato coerente con la causa, andate al Mundo Maya. E’ situato a pochissimi passi a piedi dalla piazza principale.

Non vi ho ancora parlato, invece, dell’oggetto di artigianato più importante di Merida: l’amaca.

Se volete comprare un’amaca, siete nel posto migliore per farlo. Prezzi modici ed una qualità molto alta. Ho scoperto un mucchio di cose sulle amache e sfatato anche alcuni luoghi comuni in cui cadono le stesse famose guide cartacee. I messicani, ed in particolar modo gli abitanti di Merida, utilizzano costantemente l’amaca, e non solo per farci un pisolino ma proprio per dormirci la notte e…fare anche altre cose. Tant’è che esiste addirittura un libricino denominato Kamasutra per amache, chiamato anche Amakasutra, che viene gentilmente offerto nel caso ne acquistiate una. Non so se sia una trovata di marketing, non entro nel merito, ma il tizio che mi spiegava sembrava molto soddisfatto.

Merida ha una cucina particolarmente interessante, forse la migliore nella penisola dello Yucatan. Ha subito le influenze caraibiche, europee ed indigene. Due sono i piatti che non scorderò: la sopa di lima e la cochinita pibil.

Dove dormire a Merida?

La città ha un’ampia scelta per quanto riguarda le sistemazioni alberghiere. Si va dagli ostelli agli hotel costosi. Io ho fatto una scelta legata semplicemente a tre fattori: costo, vicinanza al centro e disponibilità di parcheggio. La scelta è caduta sullo Yucatan Vista Inn. Non particolarmente attraente, ma essenziale, vicino al centro e dal costo contenuto. La cosa positiva è uno stravagante ed eccentrico proprietario di origini inglesi che la mattina vi cucina la colazione come se fosse vostra mamma. Non potrete dire di no alle sue omelette.



Booking.com

 

Possibili escursioni da Merida

Oltre che essere una città interessante, Merida è anche un importante punto di snodo verso le altre destinazioni della penisola dello Yucatan.

Soggiornando più notti a Merida avrete la possibilità di spostarvi a vedere i fenicotteri rosa nella biosfera di Celestun sulla costa ovest oppure la Riserva di Rio Lagartos sulla costa nord.

Da Merida si può raggiungere il famoso sito maya di Chichen Itza ed i Cenotes di Dnitzup. Sulla strada che porta a Campeche potrete fermarvi a vedere il bellissimo sito archeologico di Uxmal che mi ha lasciato senza parole. Sono tante le escursioni che potete fare dal centro di Merida e sono tutte di grande interesse.

Merida: tra cultura, amache e cucina yucateca in Messico
5 (100%) 3 votes

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here