Siamo arrivati all’ultimo post di questa serie relativa all’organizzare un viaggio da soli, per ora è stato spiegato tutto a livello generale, nei prossimi post entreremo nel dettaglio.

Dopo il 4° step rimane da fare solamente un’unica cosa: stampare il stampabile e predisporre tutte i vari passaggi in ordine, non dovete dimenticare nulla di importante. Ripercorrete mentalmente il vostro viaggio.

Avete tutto? Biglietti aerei? Check-in alberghieri? Mezzi di trasporto?

Bene! Allora ora è necessario che vi focalizziate sui dettagli che tante volte di trascura perché vengono dati per assodati. Non vi preoccupate, anche dopo numerosi viaggi si sbaglia qualcosa e manca qualcosa, è normale, bisogna sempre pensare a mille cose e mille possibili imprevisti che spesso e volentieri ignoriamo i problemi più palesi che campeggiano sotto il nostro naso.

Non è inoltre sbagliato neanche  predisporre un piano di riserva.

Mettiamo caso che qualcosa vada storto, che perdiate una coincidenza, che le condizioni meteo vi impediscano di raggiungere in tempo un punto fondamentale del vostro viaggio.

Anche se un po’ estremo vi faccio un esempio. Qualche anno fa nel tornare dal Londra verso l’Italia dovevo partire da Stansted. Quel giorno le piogge battenti avevano fatto cadere un albero sui binari e questo non consentiva la regolare corsa dei treni. Per fortuna che ci accompagnò mia sorella che con il suo inglese fluente riuscì a trovare la soluzione, ovvero dei taxi a pagamento.

Naturalmente sono casi eccezionali, se avessi ipotizzato però un piano alternativo per raggiungere Stansted non sarebbe stata una brutta cosa. A tempo perso provate quindi ad cercare delle soluzioni diverse qualora quelle che avrete organizzato non fossero possibili.

Infine riprendo una frase che ho scritto in un altro post….siete arrivati alla fine dell’organizzazione del vostro viaggio, ora, col vostro malloppo sottobraccio godetevi il viaggio che avete organizzato e che, sotto certi punti di vista, avete già anche un po’ vissuto.

 

Definire e controllare l’organizzazione di un viaggio
3 (60%) 1 vote

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here