Quante volte sarò andato in vita mia a Milano? 50, 100…non so, sicuramente tantissime, vuoi per lavoro, vuoi per le tante volte a San Siro, vuoi per le mille interessanti fiere che fanno sempre ogni anno, insomma, è una città in cui sono passato tantissime volte.

Lo sto dicendo io stesso: sono “passato” che è diverso dal “visitato”. Quando passi in un luogo, lo attraversi senza badare troppo a quello che ti circonda ed è quello che mi è sempre successo nel caso di Milano.

Abitando nell’hinterland di Brescia, Milano è sempre stata una meta molto comune a cui purtroppo non avevo mai dato il peso di una “città da visitare” anche se sapevo benissimo che era ricca di cose da vedere. Il problema è spesso la cecità che abbiamo, o per lo meno ho ed a cui sto cercando di porre rimedio, nei confronti di quei posti che stanno distanti solo pochi chilometri da noi. Ecco il motivo per cui assieme a Warmcheaptrips ed a Viaggiareapois abbiamo fondato il gruppo facebook #AmazingBrescia, proprio per valorizzare il “nostro” territorio.

Spesso se un luogo non è distante da casa nostra rischia di essere messo in secondo piano, e perchè poi? Tante volte “conosciamo” di più delle città estere rispetto che la nostra stessa città. Purtroppo questo è tanto assurdo quanto vero.

I colori nascosti di Milano

Milano, come un po’ tutte le città del nord, sopratutto nella stagione invernale ha la fama di essere un città grigia. Dopotutto chi potrebbe sostenere il contrario, pure Brescia lo è, e lo sono molte altre destinazioni del settentrione. Anche la giornata di oggi dal punto di vista del meteo è grigia. Vi dico di più, sono già 3/4 giorni che mi sveglio la mattina e mi chiedo se sono in Italia o se sono in qualche zona notoriamente piovosa del Regno Unito.

Ma il meteo fa quello che vuole, noi dobbiamo guardare l’animo di una città, è quello che la contraddistingue e si nota sempre.

Grazie a Nicoletta/Frida di OneTwoFrida ed a Cristiana di Viaggevolmente che hanno organizzato il tour #milanoAColori, ho avuto la possibilità di scoprire delle chicche di Milano.

Una Milano colorata con lo sguardo rivolto sempre al futuro, una Milano che si evolve e cerca di concretizzare e dare risalto ad idee innovative quali ad esempio la street art del progetto Energy Box.

energy box milano colori centraline elettriche

Il progetto Energy Box

Il tour Milano a colori si avvia proprio con questo concetto. Nel bellissimo ambiente dell AC Hotel Milano, Andrea Kiv Visual Art espone il progetto #EnergyBox. E’ un progetto di arredo urbano tramite il quale si cerca di dar “vita” e rendere più attraenti le grigie centraline semaforiche. L’idea è molto interessante e sarebbe assolutamente da attuare anche in altre città.

Andiamo nei musei in maniera saltuaria per vedere delle opere d’arte solo per 5 minuti, teniamo rilegata l’arte in spazi chiusi, riempiamo la nostra vita e le nostre città di elementi privi di interesse e privi di colore.

Perché (ovviamente con progetti e non in maniera anarchica) non dar ulteriore merito a questi artisti e rendere più vivibile la città facendola diventare un museo a cielo aperto?!

energy box milano colori centraline elettriche
ZIBE & NABLA
energy box milano colori centraline elettriche
DON’T EAT JUNK FOOD
energy box milano colori centraline elettriche
KAMI

E così approvo a pieni voti la scelta di A2A e Fondazione Aem di puntare su questo progetto. Sul sito delle Energy Box trovate tutti gli artisti e le mappe dei quartieri di Milano. Sono presenti i punti di interesse corredati dalle foto della centralina e dal nome dell’artista. In totale dovrebbero essere 150 Energy Box sparse per Milano.

energy box milano colori centraline elettricheL’itinerario di Milano a colori è poi continuato visitando la Cripta di San Sepolcro e la Chiesa di San Maurizio al Monastero Maggiore denominata anche la cappella sistina milanese per via dei numerosi e bellissimi affreschi che la adornano.

Sottolineo che grazie al Touring Club Italiano si può visitare gratuitamente:

Martedì -> Domenica …dalle 9.30 alle 17.30.

 

La HighLine Galleria e il Duomo

Sempre di Chiesa si tratta, ma questa è una signora Chiesa. Ogni volta mi incanta, sto parlando del Duomo.

duomo di milano a coloriOgni volta che lo vedo mi lascia a bocca aperta e mi fermerei ore a guardarlo, eppure l’ho visto così tante volte e nonostante ciò lo reputo fenomenale. Non c’è neanche da dirlo che sia una cosa da non perdersi a Milano, come da non perdere è la stupenda galleria Vittorio Emanuele a cui la sera si aggiunge un tocco di eleganza e raffinatezza in più grazie all’illuminazione notturna.

galleria vittorio emanule milanoA proposito di galleria…sapevate che potete camminare sulla sommità ed avere una vista sul duomo ancora più particolare? E’ stata aperta da non molto la HighLine Galleria grazie alla quale avete la possibilità di girare su un percorso predisposto sul tetto della Galleria ed avere una bellissima vista su buona parte della città, nonché del duomo. Se lo fate di sera sarà tutto ancora più bello, poiché…il Duomo illuminato è tanta roba!

high line galleria vittorio emanuele milano duomo a coloriINFORMAZIONI IMPORTANTI:

Aperta tutti i giorni dalle 12 alle 21.

Il costo della visita sulla High Line è di 12 euro. Under 25 scende a 9 euro.

QUI potete scaricare uno sconto di 2 euro.

high line galleria vista

Sono convinto che le sfumature di una città che si vedono guardandola dall’alto siano una cosa su cui bisogna lavorare, bisogna cercare di creare degli spazi in cui il visitatore può rendersi conto delle bellezze di una città con un solo colpo d’occhio. Sarebbe bello qualora nascessero non solo a Milano ma anche in tutte le altre città italiane dei rooftop come quelli ad esempio che si possono vedere a Bangkok (ovviamente non di quelle altezze smisurate). Tanto per darvi un’idea di ciò che si può vedere dall’alto in un città come Milano, questa è la vista dal bellissimo Ac Hotel Milano.

ac hotel milano a colori vista panoramica

 

Serata da Gesto

Quindi, la visita sulla High Line è stata davvero speciale ed ad essa è seguita un’esperienza a mio avviso altrettanto interessante, un fine serata da Gesto un locale di nuova concezione a Milano.

L’ambiente è particolare, molto accogliente. In alcuni punti sembra quasi di essere a casa, in salotto, seduti sulla propria poltrona. Su una parete sono state accuratamente disegnate le facce di personaggi importanti che hanno caratterizzato la storia dell’umanità.

milano a colori locale gestoPer ognuno di essi è stato scritto un suo famoso aforisma. La scelta è stata azzeccata, anche perchè sono proprio di fronte ad una saletta che può essere intesa come “saletta d’attesa“, cosa che lascia spazio e tempo per cogliere tutti i particolari e tutte le frasi scritte su questa parete.

Oltre alla familiarità che trasmette, Gesto adotta uno “comportamento” legato all’eco-sostenibilità nonché eco-compatibilità. C’è un utilizzo consapevole delle materie prime e una valorizzazione delle produzioni locali.

E non è tutto. Le ordinazioni vengono fatte scrivendo autonomamente con il gesso su una lavagnetta, la stessa tipologia di lavagnette (non le stesse usate per scrivere, sia chiaro :-D) che viene poi utilizzata come piatto da portata.

gesto locale milanoL’idea generale di Gesto mi è piaciuta molto. E’ una scelta molto attuale ed allo stesso tempo lungimirante, con un occhio al futuro, come vi parlavo nel titolo.

Al termine del BlogTour #milanoAColori, ammetto di essere tornato in terra bresciana con un’idea di una Milano dall’animo colorato, una Milano creativa, una Milano che vuole distinguersi, una Milano che consiglio a tutti di visitare prestando attenzione a tutti i suoi colori!

Chiudo il post con questo bellissimo vlog dell’amico Surio che vi spiega come è andato il primo giorno di #milanoAColori!

 

Milano a colori: una città con lo sguardo al futuro
VOTA QUESTO ARTICOLO

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here